Enzo Baccarelli
Professore Ordinario,
PhD, PostDoc

Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni (DIET)
Sapienza Università di Roma

Via Eudossiana n° 18, 00184 Roma 
Edificio B, secondo piano, stanza n° 201
Facoltà dell' Informazione, Informatica e Statistica (I3S)

Tel.: +39 06-44585466 (interno 2-5466)
Fax: 06-44585632

E-mail: enzo.baccarelli@uniroma1.it


English Version


Orcid Logo
Google Scholar Profile
 Researchgate Profile
 Work Address




 
Enzo Baccarelli ha conseguito nel 1989 la Laurea in Ingegneria Elettronica (summa cum laude) e, successivamente,  i titoli di Dottorato e Post-Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell'Informazione e della Comunicazione negli anni 1993 e 1995 presso l' Università Sapienza di Roma. Ha ricoperto il ruolo di Ricercatore (1996-1998) e, in seguito, di Professore Associato (1998-2004) presso il dipartimento INFOCOM della Facoltà di Ingegneria dell' Università Sapienza di Roma. Dal 2004, Enzo Baccarelli è Professore Ordinario in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il dipartimento INFOCOM (ora DIET) della Facoltà dell' Ingegneria dell' Informazione, Informatica e Statistica (I3S) dell' Università Sapienza di Roma.

Negli anni 1994 e 1996, è stato ricercatore visitatore presso i Laboratori Telcordia (ex Bell. Labs.) di Morristown, New Jersey, USA. Attualmente, è coordinatore del laboratorio di Sistemi di Comunicazione a Banda Larga (BroadComLab) presso il dipartimento DIET della Università Sapienza di Roma. Il suo curriculum vitae è riportato da European Who's Who e da American Contemporary Who's Who 2002/2003.

La sua attuale attività di ricerca riguarda principalmente: (i) le Trasmissioni Numeriche; (ii) i Sistemi di comunicazione a Banda Larga;          (iii) l’analisi di prestazione e l’ottimizzazione di piattaforme distribuite di comunicazione/calcolo per l' accesso cablato/radio a banda larga, con applicazioni ai sistemi di comunicazione mobili, al Cloud e Fog computing, all'Internet delle Cose (IoT) e all'Industria 4.0.

La suddetta attività di ricerca ha portato alla pubblicazione di oltre 200 articoli su riviste e conferenze internazionali e al conseguimento di due brevetti internazionali.